Escursione ai Campi Flegrei per gruppi

Escursione ai Campi Flegrei per gruppi


Chiamaci 081.711.61.18

Una visita guidata ai Campi Flegrei è un tour alla scoperta di luoghi che rivestono un’enorme importanza storica, paesaggistica e territoriale.

Quest’area a ovest di Napoli, infatti, il cui nome deriva dal greco “flègo” che significa “brucio”, “ardo”, e che geologicamente corrisponde ad una grande caldera vulcanica di circa 13 km di diametro, custodisce sia spettacolari bellezze storico-archeologiche che naturalistiche.

Scopri tutti i tour e le escursioni riservate ai gruppi e alle comitive


Perché fare un’escursione ai Campi Flegrei in comitiva?

Un’escursione ai Campi Flegrei in comitiva lungo l’itinerario che costeggia il Lago D’Averno, il lungomare di Bacoli e che giunge fino alla Solfatara di Pozzuoli, è un tour che condurrà i visitatori attraverso suggestivi paesaggi vulcanici e in luoghi che ospitano importanti resti archeologici, testimonianza di un glorioso passato.

I principali punti d’interesse di una visita guidata ai Campi Flegrei sono:

  • Cuma, antica città greco-romana il cui parco archeologico ospita il Tempio di Apollo, il Tempio di Giove, il Tempio dei Giganti, le Terme del Foro, il Capitolium e una geometrica e affascinante grotta interamente scavata nel tufo vulcanico: il famoso e misterioso Antro della Sibilla Cumana;
  • il Parco Archeologico di Baia, antico centro residenziale prescelto dalle più importanti personalità dell’antica Roma e dalla famiglia imperiale, che ospita i resti di imponenti impianti termali e idraulici, le Cento Camerelle, la Piscina Mirabile, la tomba di Agrippina, il porto militare di Miseno, il teatro e varie tombe monumentali.

Estremamente suggestivo, inoltre, il Parco Archeologico Sommerso di Baia dove a circa 5 metri sotto il livello del mare tra anemoni, stelle marine e branchi di castagnole, sono visibili mosaici, tracce di affreschi, colonne, sculture e tracciati stradali;

  • il Museo Archeologico dei Campi Flegrei, ospitato all’interno di una fortezza di età aragonese, in cui sono esposti reperti archeologici unici e di straordinario valore storico-artistico provenienti da tutta l’area flegrea;
  • Pozzuoli con il suo meraviglioso e panoramicissimo lungomare, l’Anfiteatro Flavio, uno dei due anfiteatri romani qui presenti e risalente alla seconda metà del I secolo d.C., il tempio romano di Serapide e il Rione Terra, un agglomerato urbano che costituisce il primo nucleo abitativo della cittadina puteolana abitato fin dal II secolo a.C.;

la Solfatara, un antico cratere ancora attivo ma in stato di quiescenza da circa 2000 anni, presso cui poter osservare fumarole d’anidride solforosa, getti di fango bollente ed altri spettacolari fenomeni vulcanici.